A proposito di gruppi di acquisto: vogliamo costruire un alveare?

Pubblicato da: | Pubblicato il: aprile 23, 2016

AlveareCome sapete una delle idee emerse nelle scorse assemblee dei soci di AllegraMente è quella di organizzare un gruppo di acquisto e scambio solidale aperto a tutta la comunità. Lo scopo è quello di poter acquistare direttamente dai produttori che è possibile conoscere da vicino, con produzioni biologiche o comunque sostenibili e rispettose del lavoro e dell’ambiente, possibilmente a km zero o quasi zero. Nello stesso gruppo sarebbe possibile anche creare un momento di scambio degli oggetti non più utilizzati ma ancora in buono stato (vestiti, accessori, strumenti, attrezzi ecc.). A valle di una ricerca abbiamo forse individuato una piattaforma che renderebbe fattibile questa idea: si chiama l’alveare che dice si. Scoprite tutti i dettagli di questa iniziativa e fateci avere la vostra opinione…

Il funzionamento dell’alveare è molto semplice: chiunque può acquistare direttamente dal o dai produttori della rete degli alveari e poi, una volta a settimana, i produttori vengono in un locale individuato da noi a portare la merce acquistata. La cosa interessante è che si acquista cosa e quando si vuole senza alcun obbligo e la rete degli alveari è aperta, ossia possiamo far entrare anche altri produttori, magari quelli che già conosciamo e di cui ci fidiamo.

Durante l’assemblea dei soci di AllegraMente di martedì prossimo, 26 aprile 2016, sarà presente il coordinatore di area degli alveari (ce n’è già uno a Grugliasco ed un paio a Torino) per spiegarci cos’è, come funzione e rispondere alle nostre domande.

Nel frattempo potete trovare maggiori dettagli e informazioni qui: www.alvearechedicesi.it.

Per completare il quadro di fattibilità abbiamo bisogno di altri 2 elementi:

  1. capire quanti possono essere interessati a sfruttare il gruppo: vi chiediamo quindi di spargere la voce tra amici e parenti e poi mandarci un cenno di potenziale interesse, durante la prossima assemblea dei soci di AllegraMente oppure via mail a: allegramenteborgaretto@gmail.com.
  2. disporre qui a Borgaretto di un locale a piano terra, di 40 mq circa per 1 volta a settimana nel tardo pomeriggio per 4 ore circa. Dopo una fase di sperimentazione di un 2 o 3 mesi almeno, potremmo anche versare un rimborso spese a chi ce lo da (ma parliamo di una cifra simbolica per ogni utilizzo, stimata in 20 euro circa). Avete idee o suggerimenti?

Aspettiamo vostre notizie e ci vediamo martedì 26 aprile 2016 alle 21.00!

Lo staff di Allegramente.

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *