No pedofilia, rompiamo il silenzio. Il 20 gennaio 2017 a Borgaretto.

Pubblicato da: | Pubblicato il: gennaio 7, 2017

nopedofilia-lrNo pedofilia, rompiamo il silenzio, è un incontro con Massimiliano Frassi, presidente dell’Associazione Prometeo, che ha creato il coordinamento nazionale delle vittime di abuso, che riunisce adulti che sono stati abusati da piccoli e genitori di bambini vittima di pedofili. Organizzato dal GAV, con il patrocinio del comune di Beinasco, l’incontro si terrà venerdì 20 gennaio 2017, alle ore 20.45, presso il Salone Sant’Anna di via Orbassano n.3 a Borgaretto-Beinasco (TO). È nostro dovere sapere, ascoltare, capire, conoscere e parlare di un argomento scomodo, che fa paura, che mette a disagio, ma che purtroppo esiste! Ingresso libero sino ad esaurimento del posti disponibili.

Chi sono Massimiliano Frassi e l’Associazione Prometeo?

Nato a Lovere (Bergamo) il 13.08.1969, dopo la laurea ha deciso di impegnarsi attivamente nel sociale, operando dapprima nel campo dell’emarginazione grave adulta (con particolare attenzione alle povertà di strada, alla tossicodipendenza ed all’AIDS, lavorando come operatore sia in strada che presso enti pubblici e privati e facendo nascere il primo gruppo di auto aiuto per sieropositivi nella bergamasca).

Successivamente diventa fondatore e presidente dell’Associazione Prometeo onlus che da più di 15 anni si occupa di lotta alla pedofilia, dedicando al sua vita a sostenere le vittime dei pedofili e lavorando per creare una presa di coscienza del problema da parte della società. Questo l’ha portato a prendere spesso delle posizioni moto scomode ed impopolari, ma sempre e solo “dalla parte dei bambini abusati”.

È autore di sette libri bestseller che hanno venduto quasi 200mila copie in Italia e Svizzera, “I bambini delle fogne di Bucarest” (sei edizioni, con prefazione di Maria Rita Parsi), “L’inferno degli angeli” (quattro edizioni, con prefazione di Maurizio Costanzo) “I Predatori di bambini” (primo libro in Italia a parlare anche di Chiesa e Pedofilia), “Ho conosciuto un angelo – la storia di Tommaso Onofri” (scritto con la collaborazione della mamma del piccolo Tommaso), “Favole di Bambini e dei Loro Orchi” (Edizione I Nuovi Quindici 2009), “Il libro nero della Pedofilia” (nuova versione con capitoli inediti de I predatori di bambini) e “Perché nessuno mi crede?! Storia di Stella (edizione La Zisa – 2012).

Frassi è stato promotore di una proposta di legge contro la pedofilia e tiene circa 200 conferenze all’anno (molti i corsi di formazione, dai docenti alle forze dell’ordine). Molto amato dalla gente è invece da sempre duramente attaccato da movimenti pedofili italiani e stranieri.
Massimiliano Frassi è stato insignito di numerosi riconoscimenti tra cui il premio Kiwanis – We Build International 2000, la medaglia della Polizia di Stato, conferitagli dal Questore di Bergamo nel 2003 e la medaglia d’oro del F.B.I., assegnata a lui (ed alla Prometeo) dal responsabile della storica F.B.I. di New York nel 2004. Inoltre ha ricevuto, con la sua associazione (primo caso in Italia) il prestigioso Premio Livatino “Pro Bene Justitiae”, intitolato al noto Giudice anti-mafia.

Frassi è consulente nel campo dei servizi sociali e ha collaborato con la catena Epolis da cinque anni, con degli editoriali pubblicati a cadenza settimanale sul tema dell’infanzia violata. Con l’Associazione Prometeo ha creato il coordinamento nazionale delle vittime di abuso, che riunisce adulti che sono stati abusati da piccoli e genitori di bambini vittima di pedofili. Inoltre con la stessa collabora attivamente con realtà internazionali come Scotland Yard. Il sito della Prometeo è il seguente: www.associazioneprometeo.org.

 

nopedofilia

 

Appuntamento a Borgaretto

Massimiliano Frassi sarà a Borgaretto il 20 gennaio 2017, al Salone Sant’Anna di via Orbassano n.3, alle ore 20.45, per parlare di un argomento scomodo, che i più non vogliono sentire, che fa paura, che nette a disagio, che sconvolge delicati equilibri, che fa venire il voltastomaco… ma che purtroppo esiste ed è dannatamente diffuso e può toccare in ogni momento i nostri figli, i nostri nipoti, i nostri alunni…

È nostro dovere sapere, ascoltare, capire, conoscere!

È una grande opportunità che viene offerta alle famiglie, agli educatori, ai catechisti, agli insegnanti, anche grazie all’interessamento della dottoressa Mirella Borriero. Ingresso libero sino ad esaurimento del posti disponibili.

CLICCA QUI per scaricare la locandina…

Partecipiamo numerosi!!!

Lo staff di Allegramente.

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *